中國菜 La Cucina Cinese 中國菜 La Cucina Cinese 中國菜

mercoledì 9 marzo 2011

Le bacchette

Bacchette cinesi
Le bacchette cinesi, intese come posate per degustare i cibi, hanno fatto la loro comparsa molto prima rispetto alle posate che utilizziamo noi europei. In cinese si chiamano Kuai Tzi (veloce), in Giapponese, Hashi; possono essere fatte con vari materiali, come ad esempio legno, bambù, giada, avorio, ed oggi anche plastica (diciamo subito che quelle più facili da usare sono quelle di bambù, perchè scivolano meno). Esistono poi differenti stili di bacchette; quelle cinesi sono spuntate nella parte terminale, mentre quelle giapponesi sono più appuntite. Recentemente, in un ristorante cinese, mi hanno portato delle bacchette con delle zigrinature sulla parte che viene a contatto con il cibo, per garantire un migliore presa, e devo dire che non sono niente male, sopratutto per un principiante come me.
Usare le bacchette è piuttosto semplice, almeno, in teoria. Vediamo un po' come fare:
Afferrate le bacchette a un terzo della loro lunghezza, non troppo vicino alle estremità, e di non stringerle troppo saldamente. Le estremità delle bacchette devono essere alla pari. Mettete la prima bacchetta nel cavo tra il pollice e l'indice e stringete un po’ la mano per avere una presa salda, e appoggiate la parte terminale (inferiore) al di sotto della prima giuntura dell'anulare. Questa bacchetta resta ferma e non si muove.
Poi prendete l'altra bacchetta tra la punta dell'indice e del medio, stabilizzate la metà superiore sulla base dell'indi­ce, e usate la punta del pollice per mantenerla al suo posto; Infine, per prendere i bocconcini di cibo, muovete la bacchetta superiore con l'indice e il medio. Quella in basso resta ferma, quella in alto si muove contraendo o distendendo l'indice. Le bacchette non dovrebbero muoversi mentre tentate raccogliere il cibo. Se all'inizio troverete difficoltà nel manipolare ile bacchette, esercitatevi per conto vostro lontani dalla tavola e dall'ironia dei presenti. Aprite e chiudete più volte e cercate di evitare che le punte dei vostri bastoncini si incrocino fra di loro. L'angolazione con cui prendere il cibo è di circa 45 gradi.  Con certi alimenti che non necessitano di essere afferrati, come ad esempio il riso, potete tenere ravvicinate e parallele nonchè ferme le bacchette e utilizzarle come un "cucchiaio"
Esistono poi delle regole di etichetta sul cosa fare e cosa non fare con le bacchette a tavola, ma questo sarà l'argomento di un prossimo post: come preparare una cena e non fare gaffes a tavola.

2 commenti:

  1. Adorabii bacchette :)
    le userei sempre

    RispondiElimina
  2. E' l'essenzialità del tao, la semplicità naturale

    RispondiElimina